Antonio Amodeo
Specialista in Urologia
Master II° livello in Chirurgia Robotica
Master II° livello Chirurgia Andrologica
Diplôme Universitaire de Chirurgie Laparoscopique (Université de Strasbourg)


home >>Urologia>>Prostatite

 



Prostatite


E' un'infiammazione della prostata e può essere di diverso tipo e origine.


La prostatite può essere:

Prostatite acuta:
con febbre elevata, brividi, lombalgia, dolore perineale, minzioni frequenti, dolorose e difficili ed intensa sensazione di malessere generale.

Prostatite cronica:
con sintomi che possono essere più lievi e meno significativi rispetto all'acuta; i disturbi possono essere persistenti o ricorrenti e di vario tipo: bruciore dell`uretra, disturbi urinari, dolenzia nella zona perineale, sovrapubica ed inguinale, fastidi ai testicoli etc.




Le cause e gli effetti


Le cause di prostatite sono molteplici e non sempre agevoli da identificare. Molto spesso dei germi risaliti lungo il canale urinario, o discesi dalla vescica possono raggiungere la prostata causando una infiammazione acuta o cronica. Inoltre, per la conformazione stessa della ghiandola prostatica, spesso avviene che le secrezioni e i batteri eventualmente presenti ristagnino all'interno, non trovando modo per uscire, e la prostatite, da acuta, tenda a perdurare nel tempo diventando cronica. Un ruolo importante è sicuramente da attribuire allo stimolo irritativo causato da regimi alimentari non corretti, così come da abitudini comportamentali quale l'uso di cicli e motocicli che possono alterare il normale funzionamento della ghiandola prostatica e del collo vescicale. Inoltre spesso si associa all'Ipertrofia Prostatica Benigna a causa dell'alterazione del flusso urinario e del ristagno di urine ad essa associati che possono far insorgere infezioni e processi infiammatori.



Il trattamento


Le prostatiti si curano con farmaci antinfiammatori e/o antibiotici e/o alfalitici (farmaci che attraverso il rilasciamento della muscolatura del collo della vescica e dell'uretra prostatica favoriscono lo svuotamento delle urine). Inoltre sono indispensabili corrette norme di vita e dietetiche. L'urologo diagnostica una prostatite attraverso la storia del paziente, gli esami di laboratorio, la visita medica (compresa l'esplorazione rettale), l'ecografia prostatica e la biopsia.
La diagnosi talvolta è difficile: alcuni quadri di prostatite possono provocare un aumento del PSA simile a quello del cancro della prostata. È importante farsi visitare dall' urologo non appena si manifestano i primi disturbi, specie il bruciore urinario o l'aumentata frequenza delle minzioni. Curare la prostatite nelle sue prime fasi è più semplice rispetto a quando si è ormai cronicizzata . Può essere pertanto molto importante rivolgersi precocemente al medico al fine di mettere in atto rapidamente la procedure diagnostiche e terapeutiche opportune.


 

 

 

 
©2015 Design by Chiara Zago   I   A.Amodeo Ordine dei medici e chirurghi Venezia n. 6313 I  email:a.amodeo@hotmail.it  Tel.0423/732680